al Teatro Alighieri di Ravenna

Dopo diversi anni torno al Corso, diretto dal Prof. Franco Fussi, che si svolge nella meravigliosa città di Ravenna e ho la fortuna di potermi esibire sul palco del fantastico teatro Alighieri per presentare il mio album Selvatico. Sono rimasto entusiasta della partecipazione che ho condiviso con fantastici artisti, sotto la direzione artistica di Gegè Telesforo e dell’eclettico Albert Hera.

Ecco la Diretta Live di giovedì 4 novembre ospite di Tatiana Gigliotti a Radio Cantù nella trasmissione Cantiamo alla radio, con la regia di Eugenio Guerrotto e l’assistenza tecnica di Claudio Bonatti. Oltre all’intervista puoi ascoltare il mio ultimo singolo “Cielo grigio”, “Selvatico” e dal vivo, sempre estratti dal mio album: “Non lo so” e “Hai dormito qui”.

Ecco la registrazione della Diretta:

Radio Cantù – Diretta Live del 4.11.2021

Nella serata di domenica 8 agosto, davanti a una platea gremita di caloroso pubblico, nella splendida cornice della Rocca di Montestaffoli a San Gimignano, ho ricevuto il Premio Spazio d’Autore 2021 con il mio brano Selvatico.

La premiazione con Roberto Onofri

Tra i componenti della giuria anche Beppe Dati e il grande Alberto Fortis.
Come ho già detto, per il momento che sto vivendo e per tutto quello che è successo in questi due anni di ‘difficile attesa’, forse avevo bisogno di una risposta e non c’è stata cornice migliore che il ‘Getsemani’ del Parco della Rocca per ricevere questo bel regalo. Dico grazie alla giuria, a Pino Scarpettini, al suo Staff, ma grazie anche agli artisti con i quali ho condiviso queste serate e che hanno dato maggior valore al mio premio. Cliccando qui puoi vedere il video della mia esibizione e della premiazione alla serata finale.

Qui sotto una piccola galleria e altre notizie alla pagina della Rassegna stampa

Questa sera alle ore 22 circa sarò in Diretta Streaming su Radio Cantù, ospite di Tatiana Gigliotti nella trasmissione “Cantiamo alla radio”, per presentare il mio nuovo singolo “Cielo grigio” e per parlare dell’album “Selvatico”, uscito lo scorso anno.

Tatiana Gigliotti a Radio Cantù

Ecco la registrazione dell’intervista:

Intervista a Radio Cantù dell’1.7.2021

Il silenzio non è mai troppo. almeno per me che non sono proprio un social best!

La pubblicazione di “Selvatico”, uscito come album a dicembre e la situazione di “clausura forzata”, mi hanno costretto a rinunciare, come quasi tutti i musicisti, a qualsiasi attività live. Perciò, ho passato questi lunghi mesi un po’ in meditazione (si fa per dire) e un po’ a scrivere nuove canzoni, proprio per non perdere il vizio di creatività che mi tiene vivo.

Quindi esco dal letargo in attesa di “questa primavera che tarda ad arrivare” (citando un inedito di me stesso) e siccome tra meno di un mese saremo già in estate, vi racconto quanto sotto:

Viaggiando dentro al cestone dei miei testi, come se fosse un vecchio baule di giocattoli, ne è uscito uno, scritto in giovanissima età che, riveduto e corretto, sarà tra poco disponibile come nuovo singolo. Sul resto non anticipo niente e vi assicuro che questa volta ci risentiremo presto. Diciamo che è un piccolo regalo per farmi perdonare questa lunga assenza.

Ci tengo a pubblicare questo bell’articolo dell’amico Luca Varani sul mio album in uscita. Parole che colgono in pieno il significato di questo lavoro.


Da venerdì 29 maggio sarà disponibile online e sulle migliori piattaforme streaming “Selvatico”, l’album d’esordio di Agostino Celti (su etichetta Engine Records) in 3 edizioni differenti: classica, solo strumentale e deluxe (che le contiene entrambi).

Esordire a 60 anni “suonati”, dopo una lunga esperienza di serate nei locali su e giù per l’Italia, partecipazioni a vari concorsi e qualche momento speciale da incorniciare (come aver firmato il brano “Come te lo devo dire“ per Mina) non è cosa da tutti.
Un atteggiamento che in parte rispecchia la “selvaticità” dell’artista – intesa pure come naturale purezza – ma che è anche, al contempo, un modo per preservare e rispettare quello che ha di più caro: la musica e tutto il suo carico emotivo pieno di passione e poesia. Un dettaglio che potrebbe risultare secondario, ma che esprime appieno il carattere di Agostino Celti: quella “O” finale nel titolo dell’album che, graficamente, sfugge al rigore precostituito e formale del lettering, un piccolo ma preciso segnale di non omologazione in un panorama dove troppo spesso i dischi vengono trattati come una confezione di biscotti o un fustino di detersivo.

L’album col quale festeggia 40 anni di attività ospita musicisti di altissimo livello: Massimo Moriconi, contrabbassista storico di Mina, uno dei più grandi batteristi italiani come Ellade Bandini (già con Francesco Guccini, Fabrizio De Andrè e moltissimi altri), Marco Brioschi al flicorno (uno specialista dello strumento, già con Jannacci e Fiorella Mannoia), il poliedrico percussionista Francesco D’Auria, Fabrizio Bernasconi al pianoforte e la bella voce di Marta Ferradini.

In funzione di queste illustri presenze è nata l’idea di rendere disponibile l’album anche in versione esclusivamente strumentale, per rendere omaggio ed esaltare il lavoro di questi musicisti che hanno contribuito non poco a rendere grandi alcuni specifici episodi nella storia della musica italiana.

Un lavoro curatissimo -mixato da una grande professionista del suono come Marti Jane Robertson, al lavoro in passato con Ivano Fossati e Eros Ramazzotti, ma anche con nomi “stellari” come quelli di Marcus Miller, Steely Dan, Art Garfunkel ed altri- che propone una miscela equilibrata fra brani di forte pathos cantautorale ed altri più leggeri e venati di divertente ironia.

L’album esce inizialmente sulle principali piattaforme digitali, per poi essere successivamente distribuito anche su supporto fisico. Dodici canzoni vere, una più dell’altra, caratterizzate da testi che puntano dritti al cuore dell’ascoltatore.


Selvatico / sono selvatico / per cui divertiti / e non ti sorprendere.
Dimentica / questa parentesi / Sono la sintesi. / Sono la libertà.


qui sotto i link per gli ascolti streaming: